.
Annunci online

 
perlavita 
Comitato MILITANTI PER LA VITA - CAGLIARI
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Simone Spiga
Destra Sociale
Fronte Identitario Sardegna
Bruno Murgia
Ignazio Artizzu
Matteo Sanna
Fare Verde Cagliari
Enzo Cumpostu
Daniele Maoddi
Area -la rivista
Area - Ass.Cult
  cerca

























Coordinamento promosso dai 
 
di Cagliari

Referente
Simone Spiga


Sostieni il Comitato
militantiperlavita@yahoo.it

 

 

 

Referendum per luccisione di embrioni umani












 


 

Diario | Documento Pubblicato da Azione Giovani | testo della Legge 40 | Referendum sulla Fecondazione Medicalmente Assistita |
 
Diario
1visite.

3 ottobre 2007

Azione Giovani Cagliari e Fare Verde: No agli Ogm, parte la mobilitazione in sostegno alla consultazione promossa da Coldiretti

"Il Circolo di Azione Giovani, Fronte Identitario di Cagliari, insieme alla Presidenza Provinciale di Fare Verde hanno aderito alla consultazione referendaria sull'utilizzo degli Ogm in campo alimentare e a partire da domani sarà attiva una postazione fissa per raccogliere le firme presso la sede di Cagliari di Via Giudicessa Benedetta, 46”, affermano in una nota Simone Spiga e Federica Orrù, rispettivamente responsabile del Circolo di Azione Giovani e Presidente dell’Associazione Fare Verde.

“La sede di Via Giudicessa Benedetta, 46 sarà aperta a partire da domani, Giovedì 4 ottobre per tutto il mese la mattina dalle 10.00 alle 11.00, tutti i Martedì e Giovedì e negli stessi giorni anche dalle 19.00 alle 20.00”, incalza Simone Spiga.

“La Destra giovanile, identitaria e popolare non può che essere dalla parte dell’agricoltura italiana e abbiamo aderito attivamente alle iniziative del Comitato trasversale che raccoglie le firme per questa consultazione”…”Un Comitato che vede l’adesione di numerosissime Associazioni, Enti e Organizzazioni di categoria delle più svariate esperienze politiche e al quale auguriamo un grandi risultati che merita non solo a livello sardo, ma anche a livello nazionale”, concludono i due esponenti.

27 agosto 2007

CALDO, COLDIRETTI: PER EVITARE MALORI ATTENZIONE ALL'ALIMENTAZIONE

 Roma, 27 ago - Assumere molta frutta e verdura fresca di stagione ed evitare i super alcolici, specie durante le ore pomeridiane e subito dopo un pasto abbondante aiuta a prevenire il rischio di colpi di calore che aumenta nell'attuale fase meteorologica che è caratterizzata da temperature alte, soprattutto sull'Italia centro-meridionale che potrebbero creare problemi alla salute della popolazione a rischio (anziani, assuntori di farmaci e bambini). E' quanto consiglia la Coldiretti sulla base delle precauzioni elaborate dal Centro di ricerche in Bioclimatologia Medica.
Durante le ore calde della giornata il consiglio della Coldiretti è di assumere molti liquidi ricchi di vitamine e sali minerali, come succhi di frutta, in modo particolare dopo l'esposizione al sole nelle zone ventose, data la grande evaporazione, a livello della pelle. L'obiettivo - continua la Coldiretti - è di evitare qualche noioso episodio di disidratazione, che si manifesta con pelle calda e secca, sensazione di disagio a livello dei tendini, dei muscoli e dei nervi, cefalea ingravescente, diminuzione della pressione, fino a giungere, nei casi estremi, o al colpo di calore o al collasso da calore. In situazioni meteorologiche caratterizzate da caldo moderato o intenso o se si è accaldati a causa del caldo (umido o secco) è fermamente sconsigliato bere bibite ghiacciate. L'improvviso raffreddamento indotto dal liquido molto freddo può ridurre considerevolmente la funzionalità dell'apparato digerente determinando fenomeni congestizi. La sintomatologia si presenta con crampi allo stomaco, sudorazioni fredde, pallore improvviso e può anche comparire uno stato febbrile. Al mattino , in modo particolari nei periodi molto caldi, nei soggetti astenici, abulici, fiacchi, con scarsa attenzione, concentrazione e memoria è opportuno utilizzare pappa reale, propoli e spremute zuccherate e diluite. Per combattere l'insonnia favorita dal grande caldo per la sera è consigliabile scegliere cibi adeguati come pasta, riso, insalate, yogurt, formaggi freschi, uova bollite e frutta dolce (uva, pesche e nettarine) che aiutano a rilassare l'organismo. A differenza vanno evitati gli alimenti conditi con molto pepe e sale ma anche con curry, paprika in abbondanza ed ancora patatine in sacchetto, salatini, alimenti in scatola e minestre con dado da cucina, i veri nemici del riposo che le alte temperature rendono più difficile. Attenzione però anche a caffè, cacao e superalcolici che spesso accompagnano le serate in compagnia nei luoghi di vacanza ed anche agli alimenti in scatola che garantiscono praticità ai turisti che non vogliono perdere tempo nella preparazione dei cibi ma che - precisa la Coldiretti - sono considerati a "rischio" per chi vuole riposare tranquillamente. Esistono invece cibi che - evidenzia la Coldiretti - aiutano a rilassarsi per la presenza di un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. La serotonina aumenta con il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione ma effetti positivi nella dieta serale si hanno con legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi e yogurt,. Tra le verdure - conclude la Coldiretti - al primo posto la lattuga, seguita da cipolla e aglio, perché le loro spiccate proprietà sedative conciliano il riposo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Caldo Alimentazione Coldiretti

permalink | inviato da perlavita il 27/8/2007 alle 12:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 giugno 2007

Sanna (An Sardegna): riparte la battaglia contro gli Ogm

 Questa mattina a Roma è in corso la manifestazione indetta dal Comitato Nazionale "Liberi da Ogm" contro la decisione presa dal Governo Nazionale di sperimentare all'aperto ingegneria genetica su ulivi, pomodori, melanzane e altri prodotti.

"Decine di centinaia di persone oggi sono a Roma a protestare contro la decisione di introdurre gli Ogm nei prodotti biologici, chiediamo alla Regione Sardegna di aderire immediatamente al Comitato Nazionale - Liberi dagli Ogm - per promuovere il biologico contro scelte economiche devastanti per la salute e la tutela dei prodotti tipici", afferma Matteo Sanna, Consigliere Regionale di An.

"Nella scorsa legislatura, grazie all'impegno dell'allora Ministro delle Politiche Agricole, Gianni Alemanno, si è salvaguardata la produzione italiana, oggi con il Ministro De Castro c'è il rischio che si distrugga quello che fino a oggi abbiamo tutelato", incalza Matteo Sanna.

"Con la contaminazione del biologico, il rischio è che si perdano miliardi di euro per effetto del crollo dell'esportazione di prodotti e in questo la Sardegna rischia di trovarsi nell'occhio del ciclone".."mi rivolgo al Presidente Soru e agli Assessori alla Sanità e all'Agricoltura per impedire l'applicazione dei protocolli anche in Sardegna per i bene di tutti i sardi", conclude Matteo Sanna.

sfoglia
settembre        novembre