.
Annunci online

 
perlavita 
Comitato MILITANTI PER LA VITA - CAGLIARI
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Simone Spiga
Destra Sociale
Fronte Identitario Sardegna
Bruno Murgia
Ignazio Artizzu
Matteo Sanna
Fare Verde Cagliari
Enzo Cumpostu
Daniele Maoddi
Area -la rivista
Area - Ass.Cult
  cerca

























Coordinamento promosso dai 
 
di Cagliari

Referente
Simone Spiga


Sostieni il Comitato
militantiperlavita@yahoo.it

 

 

 

Referendum per luccisione di embrioni umani












 


 

Diario | Documento Pubblicato da Azione Giovani | testo della Legge 40 | Referendum sulla Fecondazione Medicalmente Assistita |
 
Diario
1visite.

8 febbraio 2009

ELUANA: ALEMANNO, CONDIVIDO STRADA DECRETO GOVERNATIVO

 ''Condivido la strada di un decreto governativo per fermare quanto sta accadendo a Eluana Englaro''. Lo ha dichiarato il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno intervistato dal Tg di Teleroma56.
''Io credo che la vita umana non possa essere un fatto privato - ha spiegato il sindaco - non possiamo scaricare sulla famiglia e sul padre, che vivono questa vicenda con grande pressione psicologica, un evento cosi' grave e pesante. Io credo che noi dobbiamo difendere la vita di tutti e quindi sono assolutamente contrario a questa scelta di sospendere l'alimentazione a Eluana Englaro''.
''Dobbiamo difendere la vita umana - ha concluso Alemanno - in tutte le sue forme: questo non e' un fatto privato o un fatto familiare, e' un fatto che riguarda la comunita' nazionale e le leggi dello Stato''.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. alemanno englaro eluana eutanasia italia

permalink | inviato da perlavita il 8/2/2009 alle 21:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

13 dicembre 2008

La Destra Sociale sull'aborto

 ABORTO: SALTAMARTINI (PDL), GARANTIRE DIRITTO UNIVERSALE ALLA MATERNITA’

“La richiesta avanzata da alcune associazioni di introdurre l’aborto tra i diritti universali dell’uomo è il frutto di un’impostazione travisata dall’ideologia del femminismo e completamente ignara d elle reali necessità ed aspirazioni delle donne. Il problema non è garantire la possibilità di abortire ma il sacrosanto diritto, questo sì universale, alla maternità”. E’ quanto dichiara Barbara Saltamartini, capogruppo del Pdl nella Bicamerale per l’Infanzia e responsabile delle Pari opportunità di An, che si dice “totalmente d’accordo col giudizio negativo espresso dal Vaticano”.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aborto saltamartini Pdl Italia destra sociale

permalink | inviato da perlavita il 13/12/2008 alle 13:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

4 giugno 2008

Fare Verde: Krsko dimostra che il nucleare è un tunnel nel quale è meglio non entrare.

Il caso della centrale di Krsko è l'esempio lampante di quanto sia alto il rischio di adottare tecnologie obsolete e pericolose lanciandosi nella folle corsa verso il nucleare.
La centrale che in queste ore è in corso di spegnimento per un incidente all'impianto di raffreddamento dovrebbe essere dismessa nel 2023, ma la sola operazione di smantellamento costerebbe non meno di un miliardo e 700 milioni di euro. Soldi che non ci sono: ad oggi sono stati accantonati solo una paio di centinaia di milioni di euro.
Di fronte agli alti costi di dismissione della centrale, si sta già pensando di mantenerla in attività e addirittura raddoppiarla, dotandola di un secondo reattore. Un raddoppio in cui potrebbe essere coinvolta anche l'ENEL se venisse accolta la proposta di D'Alema: coinvolgere la Slovenia nei progetti dei rigassificatori previsti a Trieste, in cambio della partecipazione dell’ENEL al raddoppio della centrale di Krsko.
Inoltre, in caso di dismissione, Slovenia e Croazia, proprietarie al 50% della centrale, dovrebbero accordarsi anche su dove mettere le scorie radioattive generate dalle operazioni di smantellamento: un ulteriore spinta a mantenerla attiva.
Ricordiamo che la "fregola nucleare" di cui sono affetti politici e industriali italiani, dovrebbe portare l'ENEL ad investire anche nelle centrali obsolete e parzialmente realizzate a Mochovce in Slovacchia: un caso addirittura peggiore di quello sloveno.

La centrale slovena dimostra che il nucleare è una avventura senza ritorno, un tunnel dal quale è difficile uscire, se non con altissimi costi economici e ambientali.
"Mi viene da dire che per i sistemi economici occidentali, l'energia è come la droga e con il nucleare si rischia l'overdose" - afferma Massimo De Maio, presidente di Fare Verde - "Si dirà che l'incidente di Krsko è avvenuto in una centrale obsoleta e quelle più moderne sono più sicure. Ma resta il fatto che il nucleare è una tecnologia vecchia di circa 50 anni e anche nelle centrali di nuovissima generazione si userà sempre lo stesso pericoloso principio: la fissione dell'atomo. Intanto i costi per la messa in sicurezza e la gestione delle scorie crescono a dismisura, mentre il costo del fotovoltaico è diminuito in dieci anni del 78%."

sfoglia
gennaio        marzo